Connettiti con noi

Attualità

“Fabrizio Corona condannato per tentato furto”, ma la notizia è falsa

“Fabrizio Corona condannato”, ma si tratta di un omonimo: interviene l’avvocato dell’ex re dei paparazzi

Pubblicato

su

fabrizio corona

Fabrizio Corona: grave errore della stampa italiana

Un errore che per deontologia giornalistica è non giustificabile, gravissimo, diffamatorio: al centro della questione troviamo Fabrizio Corona, ma non il re dei paparazzi bensì un omonimo. La fame di click però ha impedito qualsiasi verifica. L’amarezza dell’avvocato Chiesa sui social.

“Fabrizio Corona condannato in Cassazione”, ma si tratta di omonimia

Fabrizio Corona condannato a un anno e 10 mesi di carcere per tentato furto in appartamento con ex carabiniere“, questo è il titolo di una delle testate giornalistiche italiane più importanti. Un titolo corredato da immagine di Fabrizio Corona, interi paragrafi. Peccato però che il condannato per tentato furto non sia affatto quel Fabrizio Corona, ma solamente un omonimo. La notizia, falsa, è stata poi ripresa in pochi secondi da tutte le altre testate, a loro volta vittime ma anche artefici.

Interviene l’avvocato Chiesa: “Si tratta di un omonimo nato a Roma”

A chiarire cosa è accaduto è il noto e “social” avvocato di Fabrizio Corona, il legale Ivano Chiesa. “È comparsa ieri sera una notizia ripresa stamattina da tutti i siti – dichiara l’avvocato in un video pubblicato su Instagram – secondo cui Fabrizio Corona sarebbe stato condannato per tentato furto a 1 anno e 4 mesi di reclusione dalla Corte di Cassazione. Ebbene volevo tranquillizzare tutti, non è vero. La notizia è completamente sbagliata“. Un errore, commesso con una leggerezza disarmante da parte della stampa, assolutamente grave.

Fabrizio Corona non è stato condannato per questo reato, si tratta di un omonimo nato a Roma. D’altro canto sarebbe stato abbastanza paradossale pensare che Fabrizio si mettesse a fare dei furti in appartamento“, ha dichiarato sempre l’avvocato. “Ho in mano la sentenza. – aggiunge, facendo riferimento alle opportune verifiche – La sentenza riguarda un soggetto che si chiama come lui nato a Roma in una data diversa“.

Copyright 2023 © riproduzione riservata Lawebstar.it - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 Editore e proprietario: Sport Review S.r.l. P.I.11028660014