Connettiti con noi

Trend

Hobbyhorsing: in cosa consiste questo strano sport Scandinavo?

Uno sport, una passione, una cultura

Pubblicato

su

hobbyhorsing

Non i soliti sport: l’hobbyhorsing

Al mondo esistono più di 8.000 sport. Certo, ci sono i più conosciuti e popolari, come calcio, tennis, nuoto. Ma a gremire la lista compaiono anche molte discipline decisamente più particolari. Una di queste? L’hobbyhorsing.

In che cosa consiste l’hobbyhorsing?

L’hobbyhorsing è uno sport che ha origini scandinave, risalenti al 19° secolo. Semplificando ai minimi termini si potrebbe dire che è come l’equitazione, con l’unica differenza che il cavallo non c’è. O meglio, l’animale in carne ed ossa è sostituito da uno di legno, con soltanto la testa attaccata ad un bastone. È quindi piuttosto l’atleta ad assumere le fattezze del cavallo, prodigandosi in salti e dressage (“esecuzione di movimenti obbligatori alle tre andature secondo una successione predeterminata“, come spiegato sul sito dell’ASI).

Uno sport di nicchia ma non troppo: quanti e chi sono i praticanti

Nonostante si tratti originariamente di uno sport dalla diffusione limitata, l’hobbyhorsing è sempre più conosciuto, amato e praticato. La sua espansione è avvenuta anche oltre i confini della Scandinavia, anche se restano comunque i paesi nordici a detenere il maggior numero di praticanti. Nella sola Finlandia ci sono più di 10.000 atleti che si dedicano alla disciplina, molti dei quali sono giovani ragazze di età compresa tra i 12 e i 25 anni. Non si tratta soltanto di uno sport nel senso più stretto del termine: è parte integrante della cultura. Si può prendere parte anche da dietro le quinte, creando i cavalli di legno utilizzati. Questi vengono trattati dalle cavaliere al pari di un animale reale: danno loro un nome, lo curano, lo coprono con una coperta di lana nelle fredde notti nordiche.

LaWebstar Copyright © 2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 36461 Editore e proprietario: Sima Editore s.r.l.s.