Connettiti con noi

Attualità

Roberto Saviano punta il dito sulla mafia russa: il premio Pulitzer non ci sta

Secondo il giornalista italiano non possiamo dimenticarci del ruolo della mafia russa

Pubblicato

su

Roberto Saviano

Roberto Saviano spiega il ruolo delle mafie nella guerra tra Russia e Ucraina

L’ultima puntata di Che tempo che fa ha visto come protagonisti Roberto Saviano e la giornalista (vincitrice del Premio Pulitzer) Anne Applebaum. I due ospiti di prestigio sono intervenuti al dibattito relativo alla guerra in Ucraina. A questo proposito, Saviano ha posto l’accento su una questione a suo modo di vedere poco analizzata: il ruolo della mafia nel conflitto.

“Tutta questa vicenda ha un grande assente, ossia la mafia russa che da sempre è gemella con le organizzazioni criminali ucraine – ha esordito Roberto Saviano – Nel dibattito che stiamo facendo non possiamo tenere fuori una forza cosi eclatante, che aveva determinato l’equilibrio in ucraina filo-russo fino a quando non c’è stata la rivolta della piazza europeista”.

Anne Applebaum non è d’accordo: le parole dopo Che tempo che fa

Lo scrittore ed esperto di organizzazioni criminali mafiose ha provato a spiegare come un evento in particolare abbia concorso al verificarsi delle vicende di questi ultimi giorni.

“La negoziazione avvenuta prima della rivolta di Maidan del gas tra Ucraina e Russia era fatta dalla più grande organizzazione mafiosa Russa. Sono prove reali che abbiamo. Il gas che veniva venduto all’Ucraina era gas mediato dalla mafia russa. A far saltare il banco fu la rivolta di Maidan. Le truppe in questo momento sono affiancate dalle organizzazioni criminali. Le organizzazioni criminali ucraine e quelle russe sono gemelle e infatti sostenevano il Presidente prima della rivolta di piazza Maidan”, queste le parole di Saviano.

Il tweet per rispondere a Roberto Saviano

Una visione che Anne Applebaum ha ritenuto però limitata, come non ha mancato di far notare attraverso un tweet: “Sono appena stata in un programma televisivo italiano in cui qualcuno ha ipotizzato che tutta questa guerra sia una battaglia tra la mafia russa e la mafia ucraina. Intuisco che tutti noi vediamo gli eventi attraverso una lente nazionale”. Sicuramente, se non utili a descrivere a pieno le cause della tensione bellica, il ruolo delle mafie può aiutare a comprendere dinamiche poco conosciute dalla maggior parte dell’opinione pubblica, che grazie a Roberto Saviano sono emerse e possono fungere da spunto per comprendere cosa sta accadendo nell’est europeo.

CONTINUA A LEGGERE SU LAWEBSTAR.IT

LaWebstar Copyright © 2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 36461 Editore e proprietario: Sima Editore s.r.l.s.