Connettiti con noi

TV e SPETTACOLO

Selvaggia Lucarelli su Fedez: “Non è abituato alle critiche per l’assoluta mancanza di dissenso”

Selvaggia Lucarelli a ruota libera si difende da sola: dai tassisti, da Salmo e da Fedez

Pubblicato

su

Selvaggia Lucarelli su Fedez Salmo e i taxi

Selvaggia Lucarelli al centro delle polemiche da Fedez a Salmo

Selvaggia Lucarelli replica su più fronti alle numerose polemiche che da donna e da giornalista le stanno vorticando intorno in questi giorni. Dalla replica di Fedez alla polemica social con Salmo passando attraverso il coro vergognoso che le hanno rivolto contro i tassisti durante uno sciopero a Napoli. Niente di nuovo sotto il sole per lei che, nel difendersi, si è sempre trovata da sola.

L’ingiurioso coro dei tassisti contro di lei

Non ha questo istinto di protezione perché sa che mi offendo bene da sola. È sicuro della mia forza, è invece preoccupato del fatto che si rispetto il mondo femminile“, dichiara Selvaggia Lucarelli al collega de La Stampa, riportata da Dagospia. Proprio in queste ore circola online il video di una folla di tassisti che a Napoli l’hanno insultata apostrofandola e ricorrendo ai peggiori insulti. “Ci mancherebbe, bisogna tenerne conto. Ma il fatto è che loro si difendono con prepotenza, violenza verbale, arroganza. E non accettano il dissenso interno“, risponde la Lucarelli alla domanda che verte su coloro che, nella categoria, si battono per dei diritti, ben discostati dalle “mele marce”.

La polemica con Salmo e Fedez

Ma alcuni tassisti non sono i soliti per la Lucarelli a non saper in alcun modo gestire il dissenso. “Non è abituato alle critiche per l’assoluta mancanza di dissenso. Ha 20 milioni di fan e la stampa a suo favore. Dovrebbe trascurare le critiche dell’unica che le fa – così la Lucarelli parlando di Fedez e delle accuseMa non si può non parlare di una persona che si espone in questo modo. E continuerò a farlo“. All’appello delle polemiche manca poi il battibecco social con un altro cantante, Salmo. “In privato mi ha mandato messaggi laconici fingendosi benevolo. Ma è partito con un insulto sessista e ha continuato con lo stesso tono in privato“, così sempre la Lucarelli.

LaWebstar Copyright © 2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 36461 Editore e proprietario: Sima Editore s.r.l.s.