Connettiti con noi

GOSSIP

Alessia Marcuzzi: “Ho rischiato di morire”, salvata da una donna

La rivelazioni di Alessia su Instagram

Pubblicato

su

alessia marcuzzi morire

Alessia Marcuzzi ha rischiato di morire

Alessia Marcuzzi nelle ultime ore ha rischiato letteralmente la morte. L’ex conduttrice Mediaset si trova a Londra, dove sta trascorrendo alcuni giorni di vacanza in compagnia dell’attuale marito Paolo Calabresi Marconi. Ma non solo, con loro ci sono anche l’ex Francesco Facchinetti e la moglie Wilma Faissol. Quello che è successo dopo però non se lo aspettava nessuno.

“Non riuscivo più a respirare”

La Marcuzzi ha quindi raccontato su Instagram l’accaduto delle scorse ore: “Eravamo in un ristorante a Londra e mentre stavo mangiando, un pezzo di polipo mi si è bloccato nella trachea. Non riuscivo più a respirare, mi sono alzata e ho cominciato a strabuzzare gli occhi e a chiedere aiuto. Paolo e Tommy hanno provato a liberarmi dandomi dei colpi sulla schiena, ma nulla. Panico

Ed ancora, sul pronto intervento di Wilma: “Ho pensato davvero di morire, non riuscivo più a capire nulla, quando Wilma mi ha preso da dietro e mi ha stretto forte, dandomi un colpo forte sullo sterno verso l’alto. All’improvviso ho sputato quel grosso pezzo che mi bloccava la respirazione e che era rimasto completamente intatto, e ho ripreso a deglutire. Tutto questo nel giro di due minuti davanti a tutte le persone del ristorante che non capivano che cosa stesse succedendo“.

Alessia Marcuzzi: “Mi sono commossa”

La reazione di Alessia è stata comprensibilmente forte, di fronte al gesto della moglie di Facchinetti che le ha effettivamente salvato la vita. “Mi sono girata, l’ho abbracciata fortissimo e le ho detto commossa “Mi hai salvato la vita. Non lo dimenticherò mai”.
É vero, Non lo dimenticherò mai Wilma
“. Insomma, una bruttissima esperienza per Alessia che però fortunatamente si è conclusa nel migliore dei modi.

LaWebstar Copyright © 2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 36461 Editore e proprietario: Sima Editore s.r.l.s.