Connettiti con noi

TREND

Arriva il primo preservativo unisex: come funziona Wondaleaf

Comodo, sicuro e contro ogni distinzione di genere

Pubblicato

su

Wondaleaf preservativo unisex

É stato annunciato il primo preservativo unisex al mondo che potrà essere indossato sia da uomini che da donne. Frutto dello studio condotto dal ginecologo malese John Tang Ing Ching e realizzato con particolari materiali privi di lattice, Wondaleaf, questo il nome del preservativo, impedisce lo scambio di fluidi corporei e il contatto con la pelle, riducendo sensibilmente la trasmissione di malattie e gravidanze.

Wondaleaf: come funziona il preservativo unisex

Wondaleaf è composto da una pellicola trasparente, che lo rende perfetto come profilattico classico da utilizzare sul pene in erezione, quanto come barriera protettiva per la donna. Il sottile strato di poliuretano, infatti, va posto all’interno della vagina e grazie alla sua capacità collante aderirà poi alla parte pubica. In questo modo vengono annullati gli scambi di fluidi corporei e il contatto della pelle durante il rapporto sessuale, evitando la possibilità di trasmettere malattie e o di incorrere in gravidanze indesiderate.

Wondaleaf, come detto, è composto in poliuretano, un materiale utilizzato nelle medicazioni trasparenti per ferite, rendendolo quindi adatto anche a soggetti allergici al lattice. Il costo dei preservativi è di circa 3 euro. All’interno di ogni scatola sono presenti due preservativi unisex, due garze di ritenzione e due bustine di lubrificanti a base d’acqua.

Le parole del creatore di Wondaleaf: “Non ti rendi conto che è lì

Wondaleaf Instagram Promo
Il post di lancio di Wondaleaf, pubblicato sull’account ufficiale dell’azienda produttrice. Fonte: Instagram

Intervistato da Reuters, proprio il dottore John Tang Ing Ching, ha parlato di Wondaleaf, descrivendone dapprima la composizione e il metodo di utilizzo, soffermandosi poi sulla comodità: “Una volta indossato, spesso non ti rendi conto che è lì“.

Dichiarazioni a cui poi hanno fatto seguito le sue riflessioni e le speranze sul futuro del prodotto: “Sulla base del numero di studi clinici che abbiamo condotto, sono abbastanza ottimista sul fatto che, con il tempo, sarà un’aggiunta significativa ai numerosi metodi contraccettivi utilizzati nella prevenzione delle gravidanze indesiderate e delle malattie a trasmissione sessuale“.

LaWebstar Copyright © 2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 36461 Editore e proprietario: Sima Editore s.r.l.s.