Connettiti con noi

SERIE TV

Blanca, la rivoluzionaria fiction su Rai1. Bernabei a RTL 102.5: “Raccontiamo un suono a 360°”

Oltre i confini della visione: Blanca, la fiction rivoluzione di Lux Vide, in onda su Rai1 dal 22 novembre, racconta il suono a 360°

Pubblicato

su

Luca Bernabei a RTL 102.5

Molto più di una semplice fiction: Blanca, la serie tv prossima ad essere trasmessa in onda su Rai1 a partire dal prossimo 22 novembre, racconta la storia di Blanca Ferrando che sul set è Maria Chiara Giannetta, una detective profiler ipovedente. Una rivoluzione per il mondo delle serie tv con il suono che diventerà protagonista assoluto della scena.

Le rivelazioni di Luca Bernabei, ad di Lux Vide – casa di produzione di Blanca -a Non stop news su RTL 102.5.

Blanca, il suono raccontato a 360°: la rivoluzione di Bernabei

Una serie televisiva sì, ma anche molto, molto di più tanto da essere annunciata come una vera novità per il mondo delle fiction. A raccontarla è direttamente l’ad di Lux Vide, Luca Bernabei, intervistato quest’oggi da Giusi Legrenzi, Enrico Galletti e Massimo Lonigro a Non stop news su RTL 102.5. Come già noto, la protagonista di Blanca è una detective che a soli 12 anni di età ha perso la vista diventando del tutto cieca. Si avvicina in età matura agli ambienti della Polizia dopo l’omicidio della sorella per diventare successivamente consulente del commissariato di Genova. “È una detective profiler cieca, una persona che tramite le cuffie ascolta le intercettazioni, ascolta le frasi, le parole e riesce a capire se menti o se dici la verità. Dai rumori riesce a capire dov’è il luogo delle intercettazioni“, racconta di Blanca Ferrando l’ad di Luxe Vide.

Oltre i confini del suono: la rivoluzione italiana, accade per la prima volta

Una vera novità e anche una rivoluzione per il mondo delle serie televisive ove il suono diventa principale protagonista di una narrazione che porta in scena la sua importanza e le sue sfumature quando gli occhi non possono essere un sostegno. “Per i non vedenti è molto importante il suono, perché con esso loro prendono le misure dei luoghi in cui sono – racconta Bernabei su RTL 102.5 – Con la rifrazione del suono Blanca percepisce le distanze dagli oggetti, perciò noi abbiamo raccontato un suono a 360°“. Si entra così nel merito dell’olofonia, una tecnica di registrazione ma anche di riproduzione sonora tramite olofono, un particolare microfono, capace di riprodurre i suoni così come vengono percepiti dall’orecchio umano. “Per la prima volta nella storia della televisione di tutto il mondo, se si guarda la serie tv con le cuffie, ma anche con il 5.1 si ha già la percezione di ciò che avviene nella testa della persona non vedente, ma anche nella testa di ognuno di noi“, aggiunge Bernabei raccontando al mondo il vero aspetto rivoluzionario.

Una serie a colori per sfatare il mito dell’ipovisione

E non è un caso se, a tal proposito, Bernabei abbia voluto fare affidamento ad Andrea Bocelli per la riuscita della serie: “Tutti pensano che vedo nero. Noi vediamo i colori“, le parole di Bocelli a Bernabei sfatando un mito dell’ipovisione. Per questa ragione non mancheranno i colori in Blanca, fiction ispirata al romanzo di Patrizia Rinaldi: “Le persone non vedenti sono più sensibili, sentono, percepiscono“, conclude Bernabei.