Connettiti con noi

Trend

Briatore contro il Corriere dopo l’articolo sul Twiga: “Body shaming”

La lunga lettera di Briatore contro l’editoriale del giornalista del Corriere della Sera

Pubblicato

su

briatore lettera corriere twiga

Flavio Briatore, la lunga lettera in risposta ad un articolo del Corriere sul Twiga di Forte dei Marmi

Battibecco pubblico tra Flavio Briatore e Fabio Roncone, giornalista del Corriere della Sera che il 15 agosto scorso aveva parlato, in maniera sarcastica e non solo, del suo Twiga a Forte dei Marmi: l’imprenditore denuncia il body shaming del giornalista nei confronti di alcuni clienti dello stabilimento di lusso ma la replica è ancora più sibillina.

L’intento di Fabio Roncone non era diverso da quello che è poi riuscito a centrare: dare un’immagine sicuramente tagliente e sarcastica di quello che il Twiga è di quello che il Twiga di Briatore riuscirebbe a guadagnare pur essendo ciò che è. “Un Ferragosto al Twiga, tra Ferrari, giraffe e tende reali. Ma er tonno a 42 euro?”, questo il titolo dell’articolo. Un lungo editoriale dove si descriveva minuziosamente cosa significa passare un’intera giornata al Twiga di Briatore, e non una a caso ma Ferragosto. Dai ricavi veri o presunti alla descrizione minuziosa delle persone che abitano il Twiga, la caricatura dei clienti abituali.

“La madre ha un viso da 40enne montato su un corpo da 70enne”

A leggere l’articolo però dall’altra parte c’è proprio Briatore che, leggendo le descrizioni, scrive al Corriere della Sera accusando la testata e il giornalista di body shaming nei confronti dei suoi clienti. “Trovo fuori luogo e incivile che il Corriere abbia fatto body shaming verso i clienti del nostro stabilimento, al fine di colorire il proprio articolo“, così l’imprenditore. Poi alcuni estratti dell’articolo: “‘La madre ha un viso da quarantenne montato su un corpo da settantenne’; ‘Sergio detto Sergione per la pinguetudine incipiente‘; ‘la signora anziana della tenda accanto si stende chiedendo però che non le venga sfiorato il viso tirato da una ragnatela di fili sottocutanei’; ‘un tipo con la pancia gelatinosa legge la Guida Michelin’“. Poi, la conclusione: “Infierire sui clienti di una spiaggia per il loro aspetto fisico non è giornalismo“.

La replica di Fabio Roncone: “Bagni sporchi e con le serrature sfondate”

Da parte del Corriere però arriva la replica a firma proprio di Roncone: “Gentile Briatore, lasci stare il body shaming, è un tema importante che introduce senza alcun motivo: perché le eventuali vittime – qui non ci sono – devono essere identificate con nome e cognome. – scrive il giornalista – Piuttosto, parlando seriamente: ci è costato un botto di soldi, però al Twiga ho trascorso assolutamente ore strepitose tra giraffe, Ferrari e parvenu. Peccato solo per qualche disservizio, ad esempio i bagni: sporchi e con le serrature sfondate. Ma se è ancora a Montecarlo e non ha avuto modo di verificare, le invio volentieri tutte le foto“.

Copyright 2023 © riproduzione riservata Lawebstar.it - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 Editore e proprietario: Sport Review S.r.l. P.I.11028660014