Connettiti con noi

TV e SPETTACOLO

Carlo Cracco: “Troppo lavoro, ma qualcuno dovrà pur farlo”

Ospite di Che Tempo Che Fa, lo chef ha parlato del futuro della ristorazione

Pubblicato

su

Carlo Cracco

Il cuoco ha presentato la nuova stagione di Dinner Club, in arrivo su Amazon Prime Video

Ospite di Fabio Fazio a Che Tempo Che Fa, Carlo Cracco ha presentato la nuova stagione del suo format Dinner Club, disponibile in streaming su Amazon Prime Video. Oltre a raccontare le novità del programma, lo chef si è anche espresso sul futuro della ristorazione, che è fortemente in mano ai giovani, ai quali però è necessario, secondo lui, fornire alcune risposte.

Carlo Cracco dimagrito: “Colpa del troppo lavoro”

A partire dal 17 febbraio, su Amazon Prime Video saranno resi disponibili i primi 4 episodi di Dinner Club, mentre i due conclusivi arriveranno il 24 febbraio. Ad accompagnare lo chef Carlo Cracco nei suoi viaggi alla scoperta delle ricchezze del Paese, ci saranno anche Marco Giallini, Luca Zingaretti, Paola Cortellesi, Antonino Albanese. La presentazione di questa seconda stagione del format è avvenuta in studio da Fabio Fazio, il quale non ha potuto non notare il dimagrimento evidente dello chef. La risposta di Cracco in merito è stata la seguente: Forse è colpa del troppo lavoro…È un mestiere che non consente lo smart working, è un lavoro fatto di servizi. Se vogliamo che la gente vada in vacanza o che venga a trovarci, qualcuno dovrà pur farlo”.

“Dobbiamo dare delle risposte ai giovani”

Lo chef, molto attento allo stato di salute del mondo della ristorazione ha anche compiuto una riflessione sul futuro dello stesso: “Mai come in questo momento i ragazzi stanno lasciando le scuole alberghiere. Non ci sono più iscritti come in passato e questo deve farci riflettere. Questi ragazzi ci chiedono se ci sia un futuro nel mondo della ristorazione e dobbiamo dar loro delle risposte”, ha dichiarato a Tgcom24.

Copyright 2023 © riproduzione riservata Lawebstar.it - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 Editore e proprietario: Sport Review S.r.l. P.I.11028660014