Connettiti con noi

MODA

Color block: come e quali colori abbinare per un look amante del contrasto

La potenza del colore e del contrasto esaltate in un solo look color block

Pubblicato

su

Look color block

Che cos’è il color blocking e perché, di tanto in tanto, questo torna alla ribalta nel mondo della moda sin dai tempi dell’antica Roma, i tempi imperiali e prima sua effettiva “manifestazione”. Nessuna distinzione di genere perché il color blocking ha da sempre riguardato tanto la moda maschile quanto quella femminile evolvendosi nel tempo e affinando il suo stesso principio: risaltare la potenza del contrasto.

Color Block: la moda che esalta il contrasto

Di color blocking si potrebbe parlare sin dai tempi di Ovidio ma basta focalizzarsi sui tempi correnti per comprendere appieno uno dei fenomeni che di tanto in tanto ritorna da padrone sulle passerelle d’alta moda, in questo caso quelle di Louis Vuitton ma anche Gucci, Prada e Marc Jacobs. Come si può intuire dal nome stesso, per color blocking si tende a individuare la creazione di outfit partendo dal principio della contrapposizione dei colori. Un uso sapiente delle scale cromatiche che non vengono semplicemente accostate ma che vengono contrapposte andando così a creare un look per “blocchi di colore“, spesso molto forti.

Come tutto nel mondo della moda, anche il color block segue delle precisione regole “scientifiche” e prevede accostamenti da evitare a scanso di apparire in pubblico somiglianti ad Arlecchino. Principale protagonista di uno stile color block è ovviamente il colore e da questo non ci si può tirare indietro sebbene siano numerose le correnti che contemplino anche in questo caso il bianco e nero al fine di creare il contrasto. Ottima l’intuizione di far prevalere tonalità particolarmente accese e luminose per rendere ancor più incisivo l’opposizione, motivo per cui non possono essere ascritti ad un look color block i vari accostamenti che prevedono un colore e diverse tonalità dello stesso (ascrivibili però ad un altro filone, quello del color blocking monocromatico).

Le regole per il look color block perfetto

che cos'è il color blocking

Se anche la moda può definirsi una “scienza esatta” talvolta nell’uso e nell’abbinamento dei colori in tutte le declinazioni tra capi e accessori, esistono allora delle vere e proprie “regole” da seguire per creare un look color block degno d’essere chiamato tale.

Prima regola fondamentale del color blocking prevede di prediligere capi a fondo unico, dunque a tinta unita e senza stampe, né disegni o fantasie che vadano a far scemare la potenza cromatica del capo. Un perfetto contrasto cromatico per un perfetto color block prevede poi che i capi scelti, a tinta unita, siano di due o più colori differenti il cui risultato, uniti, sia però una tonalità del grigio. A questo pro si consiglia il contrasto (valutare se giocare con il contrasto cromatico tra pantalone/giacca; tailleur e scarpe; cappotto e borsa) tra il blu e l’arancione, il rosso e il verde, il giallo e il viola che si usano per ottenere il più classico grigio complementare. Il contrasto può prevedere ovviamente anche l’abbinamento di 3 capi d’abbigliamento o accessori di 3 colori diversi ma si sconsiglia fortemente di combinare più di 4 colori diversi, proprio per non ricadere nell’effetto arcobaleno.

Il color block

LaWebstar Copyright © 2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 36461 Editore e proprietario: Sima Editore s.r.l.s.