Connettiti con noi

MUSICA

Donatella Rettore: “Una professoressa mi denunciò”

I guai di Donatella Rettore per colpa di “Kobra”, una delle sue più celebri canzoni degli anni ’80

Pubblicato

su

Donatella Rettore denuncia Kobra

Donatella Rettore e la denuncia per “colpa” di Kobra

Donatella Rettore ultimamente sta facendo a lungo parlare di sé e non solo per presunte voci di bisticcio con la collega Ditonellapiaga, anche per Kobra. Messo però da parte il gossip, l’amata cantante reduce da un incredibile ritorno al Festival di Sanremo, si confessa e svela un aneddoto curioso dietro ad una delle sue più celebri canzoni.

L’aneddoto su Kobra: le critiche e le proteste

Abbiamo tutti presente Kobra, la celebre canzone di Donatella Rettore pubblicato nel 1980 e contenuta nell’omonimo 45 giri Kobra/Delirio. Il brano in questione venne scritto dal pugno stesso della Rettore, collezionando un enorme successo. Non è un caso se ancora oggi proprio Kobra risulta essere una delle canzoni più popolari della cantante nonostante il suo vastissimo repertorio. Come però ricorda la stessa Rettore in una lunga intervista a Il Corriere della Sera, proprio Kobra ai tempi venne inizialmente ostacolata e fraintesa nel suo significato. Costandole persino una denuncia da parte di una professoressa.

Donatella Rettore: “Mi denunciò”

Il cobra non è un serpente, ma un pensiero frequento“, un incipit che diviene quasi impossibile leggere senza canticchiarlo. Eppure al principio il testo non venne accolto troppo bene dal pubblico. In generale il brano della Rettore venne tacciato d’essere “scandoloso”, ricco di troppe allusioni sessuali vere o presunte, insito di doppi sensi. Tante furono le critiche che al principio si pensò che, a causa delle proteste, il brano subisse una penalizzazione, ma non accadde. Proprio parlando dei “problemi” legati a Kobra, così la Rettore: “Quando uscì era il 1980, quindi non eravamo nel Medioevo. Una professoressa siciliana mi denunciò perché sosteneva che si trattava di un testo pornografico“. Com’è finita? Con la risposta della Rettore, ovviamente: “Le mandai dei fiori“.

LaWebstar Copyright © 2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 36461 Editore e proprietario: Sima Editore s.r.l.s.