Connettiti con noi

DA SEGUIRE

El Salvador dà corso legale al bitcoin: via agli sportelli destinati alla criptovaluta

Il governo di El Salvador ha avviato l’integrazione del bitcoin come propria moneta avente corso legale

Pubblicato

su

Bitcoin El Salvador

El Salvador e i bitcoin: una storia d’amore che pare sempre più vicina a divenire realtà. Il piccolo stato dell’America centrale ha infatti avviato la dislocazione presso il proprio territorio nazionale di ben 200 sportelli automatici ATM, in modo da poter convertire i dollari nella famosa criptovaluta.

El Salvador sceglie la criptovaluta con la”ley Bitcoin

Il progetto di integrare nella propria economia finanziaria i bitcoin come moneta è stato proposto dal presidente Nayib Bukele con la “ley Bitcoin”, che ha ottenuto l’approvazione del parlamento nazionale e avrà la propria entrata in vigore a partire dal prossimo 7 settembre. Il governo di El Salvador ha così stanziato 150 milioni di dollari per sostenere il progetto, sviluppando uno speciale wallet in grado di fornire agli utenti un buono di 30 dollari, direttamente accreditati in bitcoin. Inoltre verranno stanziate lungo lo Stato ben 50 filiali finanziarie, presso le quali sarà possibile effettuare transazioni bancarie, come prelievi o pagamenti.

L’utilizzo dei bitcoin e i dubbi della Banca Mondiale

Ma il processo avviato a El Salvador ha messo in allarme la Banca Mondiale, che ha espresso fortissimi dubbi riguardo la “ley bitcoin” e la parificazione della criptovaluta a quella del dollaro. “Siamo impegnati nell’aiutare El Salvator in molti modi” ha dichiarato un portavoce della Banca all’agenzia Reuters inclusi quelli che riguardano i processi legati a regolamentazione e trasparenza delle valute, ma nonostante il suo governo ci abbia approcciati per ricevere assistenza sui Bitcoin, non è qualcosa che la Banca Mondiale può appoggiare considerando le carenze in termini di tutela ambientale e trasparenza“. A questa dura critica vanno ad unirsi anche quelle delle banche centrali canadesi e svizzere, intimorite dalla possibilità che l’utilizzo dei bitcoin possa favorire e incentivare attività illecite, su tutte il riciclo di denaro sporco.

Advertisement

Da non perdere

Advertisement