Connettiti con noi

TV e SPETTACOLO

Gina Lollobrigida affranta da Mara Venier: “Dovrebbero lasciarmi morire in pace”

Le forti parole dell’attrice che, anche se legittimamente, sembra non farcela più

Pubblicato

su

Gina Lollobrigida Rai1 Domenica In

Nell’ultima puntata di Domenica In, Mara Venier ha avuto fra i suoi ospiti anche l’eterna Gina Lollobrigida, con cui ha rivissuto e riannodato i fili delle vicende che contrappongono la Lollo ai suoi familiari, circa l’amministrazione dei propri beni. Un racconto molto sentito e toccante da parte dell’ex attrice, tanto da portarla più volte alle lacrime e obbligando la Venier ad aiutarla nel superare i difficili ricordi.

Gina Lollobrigida e il lungo calvario giudiziario

Durante il consueto appuntamento all’interno del salotto di Domenica In , Mara Venier ha omaggiato e incontrato la grandissima Gina Lollobrigida, purtroppo al centro di una lunga vicissitudine giudiziaria che la vede avversa al figlio e al nipote per quanto attiene la gestione del proprio patrimonio. Una querelle che a colpi di atti giudiziari e sentenze si protrae ormai da parecchio tempo, estenuando sempre di più la ormai 94enne che si lascia andare alla lacrime, a stento trattenute e subito asciugate proprio dalla Venier.

Alla mia età dovrei avere un po’ di pace, ma non ce l’ho ancora. [..] Più che stanca, mi sento umiliata. Dovrebbero lasciarmi morire in pace. Non ho fatto niente di male, capito?“.
In ginocchio, e mano nella mano, Mara la rasserena, aiutata dagli scroscianti applausi di tutti i presenti in studio: “Il pubblico ti vuole bene!“.

Le parole pronunciate dagli avvocati del figlio e del nipote di Gina Lollobrigida

Mara Venier Gina Lollobrigida
Mara Venier rincuora Gina Lollobrigida durante l’ospitata a Domenica In

Le parole e le lacrime della Lollobrigida arrivano all’indomani di quelle pronunciate lungo la trasmissione Italia Sì, condotta da Marco Liorni, dai legali di Milco e Dimitri Skofic, rispettivamente il figlio e il nipote dell’attrice. Gli avvocati Michele e Alessandro Gentiloni Silveri hanno infatti precisato che: “È falso che i nostri assistiti abbiano mai intrapreso azioni giudiziarie contro Gina Lollobrigida. Al contrario, mossi da immutato affetto e viva preoccupazione per il vergognoso annichilimento del suo patrimonio a beneficio del sig. Piazzolla e della sua cerchia, essi si sono rivolti all’Autorità competente affinché accertasse i fatti e prendesse i provvedimenti opportuni. Come è puntualmente avvenuto. Le condizioni di salute di Gina Lollobrigida sono state accertate [..] Il loro risultato è concorde ed inequivoco“.

LaWebstar Copyright © 2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 36461 Editore e proprietario: Sima Editore s.r.l.s.