Connettiti con noi

MODA

I Roy Roger’s compiono 70 anni: così il blue jeans sbarcò in Italia

La storia di un capo che ha vestito intere generazioni viene celebrata a Pitti Uomo

Pubblicato

su

Blue Jeans

L’Anniversary Collection del marchio nato a Firenze conquista Pitti Uomo

Dire jeans, in Italia, vuol dire Roy Roger’s. Il successo del capo nel nostro Paese si deve infatti al marchio fiorentino, che presenta in queste ore la collezione dedicata all’anniversario del blue jeans in occasione di Pitti Uomo. 70 anni sono trascorsi da quando uno dei fondatori di Roy Roger’s, Francesco Bacci, decise di puntare sulla tela made in Usa.

Roy Roger’s, storia di un successo senza precedenti

Nel 1952 Francesco Bacci decise di attraversare l’Oceano Atlantico per recarsi negli Stati Uniti alla scoperta del denim. Intuito il potenziale del tessuto, Bacci (scomparso nel 2009 a 81 anni di età) decise di ordinare una scorta di tessuto alla Cone Mills Corporation. L’obiettivo? Rivoluzionare la moda, con un capo capace di trasmettere immediatamente anche un preciso modo di essere: il blue jeans. L’America rimase anche nel nome, ispirato da quel Roy Roger che a fine ‘800 creava tute da lavoro per contadini in California.

 Roy Roger's Jeans

La collezione Roy Roger’s per celebrare il 70° anniversario del blue jeans made in Italy

Vero e proprio marchio senza tempo, il blue jeans Roy Roger’s ha vestito intere generazioni. Oggi tra le sale del Pitti Uomo di Firenze, trova spazio un omaggio alla storia aziendale, una collezione realizzata per celebrare il viaggio di Francesco Bacci. La Anniversary Collection di Roy Roger’s è composta da 30 capi, dalla salopette al gilet, dalle camicie alle giacche, oltre agli immancabili blue jeans. Ogni singolo pezzo della collezione esalta la storia del marchio grazie a dettagli curati con estrema precisione.

Il segreto della Anniversary Collection di Roy Roger’s? Il cotone

Il composto di cotone, il denim, che da forma ai capi in presentazione a Pitti Uomo è caratterizzato dall’assenza di lavaggi e finissaggi. Ciò permette al colore di manifestarsi in tutto il suo splendore evocativo. Denim ovviamente di cotone riciclato, per contribuire alla sostenibilità ambientale.

CONTINUA A LEGGERE SU LAWEBSTAR.IT