Connettiti con noi

MUSICA

I vinili più rari (e costosi) del mondo: quali sono i dischi più ricercati dai collezionisti

Chi possiede una copia di questi album ha tra le mani una fortuna

Pubblicato

su

Dischi in vinile
Ascolta la versione audio dell'articolo

Introvabili, ricercati, bramati dai collezionisti: sono i dischi in vinile più rari del mondo, vere e proprie reliquie musicali che per un motivo o per un altro alimentano il desiderio degli appassionati. Da Prince ai Pink Floyd, la classifica dei 5 album musicali in vinile più rari al mondo, ordinati in base al valore indicato da Discogs, piattaforma di riferimento per il settore.

5° Ummagumma, Pink Floyd: valore 13.845$

Pubblicato il 7 novembre del 1969, Ummagumma è il quarto album in studio della band londinese e sebbene sia stato negli anni ampiamente apprezzato dalla critica e premiato dal pubblico (disco d’oro nel 1974 e disco di platino nel 1994), la band non fu mai pienamente soddisfatta del proprio lavoro, arrivando a criticarlo aspramente in pubblico. Il titolo dell’album composto da due dischi, uno dedicato ai brani live e uno per quelli registrati in studio, riprende un’espressione gergale per indicare un rapporto sessuale. Lavoro tra i più sperimentali dell’intera discografia dei Pink Floyd, Ummagumma contiene le prime influenze di rock progressivo e sonorità che poi la band avrebbe portato a maggiore compimento nelle uscite successive e forse proprio per questo è così ambito dai fan.

4° Love Me Do, The Beatles: valore 14.845$

Se pensavate di trovare in classifica i Fab Four con il loro leggendario White Album vi sbagliavate. Il vinile più ricercato della band di Liverpool è il singolo di Love Me Do, primo del gruppo e datato 1962. Registrato più volte, con batteristi differenti, il primo 45 giri presenta la versione con Ringo Starr allo strumento. Per il valore simbolico rappresentato da quello che può essere considerato il primo passo verso la gloria compiuto dai The Beatles, è questo il pezzo più pregiato (e costoso) per i collezionisti.

3° Supernatural Girl, Ferris Wheel: valore 15.001$

Chi ne possiede una delle pochissime copie in circolazione (il numero esatto è un mistero) ha tra le mani una vera fortuna. L’album del 1975 contiene 12 tracce che regalano un’esperienza d’ascolto davvero unica. Le sonorità folk underground, il velo di mistero che ammanta il disco e le scarse informazioni a riguardo, rendono Supernatural Girl una vera e propria rarità destinata a pochi fortunati.

2° God Save The Queen, Sex Pistols: valore 16.125$

Sul secondo gradino del podio dei dischi in vinile più costosi al mondo, troviamo God Save The Queen, secondo singolo dei Sex Pistols, pubblicato nel 1977 durante il Giubileo d’Argento della Regina Elisabetta II. Sebbene possa sembrare una scelta presa a tavolino, il testo non fu scritto appositamente per questa occasione ma fu il manager della band (Malcolm McLaren) a ritardarne l’uscita per farlo coincidere con l’anniversario della sovrana. Contestato, frainteso e osteggiato per la sua essenza provocatoria, fu addirittura bandito dalla radio BBC e da alcuni negozi che ne rifiutarono la vendita. L’uscita di God Save The Queen ha sancito un vero e proprio shock culturale, non circoscritto al solo Regno Unito ma nell’intero panorama musicale e il grido “No Future”, chiusura del brano, diventerà il manifesto di tutto il movimento punk rock.

1° The Black Album, Prince: valore 27.500$

Vinile di una rarità elevatissima, presente in pochissime copie a causa del ritiro dagli scaffali avvenuto a poche settimane dall’uscita, The Black Album di Prince è il disco in vinile più raro, costoso e ricercato dai collezionisti. Si tratta di un Sacro Graal della musica, oggetto misterioso e di culto, che ha raggiunto la cifra da record di vendita di 27.500 dollari. Uscito a ridosso di Sign o’The Times, fu ritirato, ma le motivazioni della scelta non furono chiare e ciò creò un alone di mistero attorno all’opera di Prince. Non è certo se fu per l’insoddisfazione del cantante per il risultato finale o se si trattò di una scelta strategica dell’etichetta, ma le copie vennero mandate al macero. Le poche rimaste in circolazione sono ad oggi veri tesori dal valore inestimabile; sono i dischi in vinile più rari e costosi del mondo.

Advertisement

Più Musica

Advertisement