Connettiti con noi

TV e SPETTACOLO

Il Palio di Siena non andrà più in onda su Rai1

La storica competizione senese non andrà più in onda sulla Rai: La7 ha comprato i diritti, l’accordo

Pubblicato

su

Palio di Siena La7

Il Palio di Siena lascia Rai1

Il Palio di Siena è una delle competizione storiche che non ha mai perso lo smalto attirando a Siena centinaia di migliaia di turisti da tutto il mondo. La competizione equestre, di origine medievale, è sopravvissuta ai secoli, alla modernità, resistendo nel tempo e negli anni senza mai venir meno alle due storiche date che solamente la pandemia ha saputo mettere a repentaglio. Confermata la competizione anche quest’anno (la prima il 2 luglio e la seconda il 16 agosto), qualcosa però da adesso cambierà: il Palio di Siena trasloca in tv, e cambia canale.

Rai1 cede i diritti del Palio a La7: l’accordo da 540mila euro

Palio di Siena La7

Il Palio di Siena del prossimo 2 luglio, in onore della Madonna di Provenzano, non sarà più trasmesso su Rai1 come da tradizione. È notizia di queste ore infatti quella relativamente ad un importante cambiamento per la storica competizione che vede contendersi il Palio tra più contrade che animano la città di Siena, Toscana. È stato infatti siglato l’accordo che vuole i diritti televisivi del Palio essere ora in possesso della rete di Urbano Cairo, La7. Niente più diretta da Siena su Rai1, la rete pubblica che ha ceduto i diritti a La7 per una cifra pari a 540mila euro, come riporta Ansa. Un accordo che permarrà in vigore per 4 anni, fino al prossimo 2025.

Pierluigi Pardo curerà l’evento televisivo con la sua telecronaca

Un trasloco che avrà conseguenze anche a livello di “sponsorizzazione”. L’approdo del Palio di Siena su La7 sembra infatti garantire all’evento una maggior valorizzazione anche a livello informativo con lo sfruttamento di tutto quello che è l’asset che gravita attorno alla rete e che in possesso di Cairo. A tutto questo si aggiunge anche una novità relativa alla conduzione dell’evento che, come si apprende, sarà affidata al giornalista e telecronista sportivo Pierluigi Pardo.