Connettiti con noi

TV e SPETTACOLO

Ma il cielo è sempre più blu: il film che racconta la vita di Rino Gaetano

La miniserie sarà trasmessa nel 40° anniversario della morte

Pubblicato

su

Claudio Santamaria nei panni di Rino Gaetano

In occasione del 40° anniversario della morte di Rino Gaetano, torna in onda Ma il cielo è sempre più blu, il film che racconta la vita del cantante nato a Crotone e scomparso in un tragico incidente autostradale il 2 giugno del 1981. Claudio Santamaria veste i panni dell’artista in questo documentario biografico prodotto da Claudia Mori e diretto da Marco Turco. Il film, trasmesso per la prima volta nel 2007 nel formato mini-serie, ha riscosso un buon successo tra il pubblico, ma ha sollevato alcune critiche da parte dei familiari di Rino Gaetano.

Ma il cielo è sempre più blu: Claudio Santamaria nei panni di Rino Gaetano

Il film sulla vita del cantautore vanta un cast d’eccezione: ad interpretare Rino Gaetano è Claudio Santamaria, affiancato da Laura Chiatti (nel ruolo di Chiara, manager dell’artista) e da Kasia Smutniak, nei panni della fidanzata Irene Rebecchi. Il documentario ripercorre il complicato percorso del cantante verso il successo. Giovane sognatore, Rino si trova a vivere la sua giovinezza a Roma, coltivando il sogno di sfondare nel mondo della musica. Alcune insicurezze caratteriali condizionano però l’esito delle sue prime audizioni. La svolta tanto attesa, arriverà per lui dopo la frequentazione del locale romano Folkstudio, che gli permetterà di conoscere altri giovani talenti come Antonello Venditti e Francesco De Gregori e durante la quale il suo stile inizierà ad incuriosire le case discografiche.

Il film sulla sua vita di Rino Gaetano che ha fatto arrabbiare la sorella Anna

Dopo la messa in onda di Ma il cielo è sempre più blu, il film ha incassato le critiche di Anna Gaetano per il ritratto che è emerso dallo sceneggiato. A far storcere il naso alla sorella del cantante è stata la trasposizione, a suo dire troppo conflittuale, del rapporto tra Rino e il padre. Anche l’uso smodato di alcool, secondo Anna Gaetano, è stato accentuato in maniera non veritiera dalla miniserie: “Quello non è mio fratello. È una storia bellissima, ma io non riconosco Rino. Lui era un donnaiolo, è vero, ma non era alcolizzato” (queste le parole pronunciate dalla donna durante la conferenza stampa di presentazione del film).

Il 40° anniversario della morte di Rino Gaetano

Il film, al di là delle polemiche, ha incontrato il favore del pubblico e resta un prodotto che consente di approfondire la conoscenza con alcuni tratti più intimi del carattere e del percorso artistico di Rino Gaetano (qui altre curiosità sul cantante) e il merito è in gran parte da attribuire alla performance straordinaria di Claudio Santamaria, che ha condotto un profondo e ricercato studio per trasmettere in maniera fedele la personalità del cantautore. Il film sarà trasmesso su Rai1 alle 21.25 di mercoledì 2 giugno, a 40 anni esatti dal fatale incidente d’auto che è costato la vita al cantautore. Ma il cielo è sempre più blu non sarà l’unico momento dedicato al ricordo di Rino Gaetano: lo stesso giorno alle ore 20.00 andrà in onda uno speciale di Blob, Gaetanorepublic. Il 25 giugno uscirà invece un album speciale con una raccolta dei suoi brani più iconici e rappresentativi: Istantanee e tabù.

Advertisement

Più Tv e Spettacolo

Advertisement

LaWebstar Copyright © 2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 36461 Editore e proprietario: Sima Editore s.r.l.s.