Connettiti con noi

TV e SPETTACOLO

Morte di Rossano Rubicondi: Ivana Trump chiede di avere metà delle ceneri

Ivana Trump chiama i genitori di Rossano Rubicondi dopo la morte dell’ex volto della televisione

Pubblicato

su

Ivana Trump e Rossano Rubicondi

L’improvvisa morte di Rossano Rubicondi, sopraggiunta ad appena 49 anni di età, ha lasciato dilaniato il cuore del pubblico e quello dei suoi colleghi, molti dei quali hanno dichiarato di non aver mai saputo nulla dei problemi di salute dell’ex modello ma anche da tempo volto dello spettacolo.

Rossano Rubicondi, Mara Venier: “È morto da solo a New York”

Rossano era un mio amico, non ho mai conosciuto nessuno che amasse la vita più di lui, se ne è andato a 49 anni, così giovane“, ha dichiarato con voce in provata in diretta a Domenica In la padrona di casa Mara Venier. “È morto da solo a New York, l’avevo visto un po’ di mesi fa, siamo andati a cena insieme ed era sempre gioioso, anche con dei problemi – ha aggiunto la Venier – I problemi c’erano, i problemi ce li aveva, non di salute, o perlomeno non ha detto niente a nessuno“, racconta di lui zia Mara ricordandolo a nome di tutto lo studio e parlandone al pubblico a casa.

La chiamata di Ivana Trump e la richiesta ai genitori di Rubicondi

Ivana Trump e Rossano Rubicondi nel 2005

Non sapevamo che Rossano fosse malato – sono state poi le parole dei genitori di Rossano Rubicondi rilasciate a Barbara d’Urso in quel di Pomeriggio CinqueNon eravamo a conoscenza di nessuna malattia. Quando ci hanno chiamato, ci hanno detto che la causa del decesso era stata la rottura di un’aneurisma del polmone, è caduto nella vasca battendo la testa ed è rimasto lì per ore da solo“. Proprio i genitori, come riporta anche Fanpage.it, sarebbero stati raggiunti in questi giorni dalla chiamata di Ivana Trump, ex moglie di Rubicondi che proprio negli ultimi tempi si era riavvicinata molto a lui. “Ci ha chiamati per esprimere intanto il suo dolore, adesso dice che ci spedirà la metà delle ceneri. Ci ha chiesto di tenerne una parte e le abbiamo detto subito di sì“.