Connettiti con noi

GOSSIP

Ornella Vanoni, l’amore per Giorgio Strehler: “Non potevo seguirlo nella droga e negli altri suoi vizi”

Ornella Vanoni racconta la sua vita tra grandi amori e successi: dalla passione con Giorgio Strehler all’amore per Gino Paoli

Pubblicato

su

ornella vanoni e l'amore per giorgio strehler

Ornella Vanoni racconta i chiaroscuri della sua lunga e ricca carriera da cantante ma anche da attrice. Tra le artiste italiane più longeve e reduce dal recente successo musicale al fianco della coppia sanremese formata da Colapesce e Dimartino, la Vanoni si racconta a partire dal dietro le quinte dei suoi più amati palchi, tra amori sbagliati, amori folli e grandi delusioni.

Ornella Vanoni e l’amore per Giorgio Strehler

Intervistata da Il Corriere della Sera, Ornella Vanoni si racconta a 360° senza trascurare alcun aspetto, nemmeno quelli più tristi e dolorosi che hanno segnato la sua vita privata mentre, pubblicamente, cavalcava l’onda di un successo internazionale. Attiva come cantante e attrice dal 1956, Ornella Vanoni dedica ampio spazio nella narrazione agli uomini che hanno segnato la sua vita, grandi amori che come quello per Strehler, non hanno avuto però un seguito: “Nessun uomo mi hai mai amata tanto quanto Strehler. Era sposato, ma non importava: sposarmi non è mai stata la mia ambizione – racconta la Vanoni nel corso dell’intervista – Frequentavo i corsi al Piccolo Teatro. L’insegnante di danza era sua moglie, da cui era già separato. Mi detestava. Aveva capito al volo che sarei piaciuta al marito“. Come svela però, quello con Giorgio Strehler fu un amore che ad un certo punto la pose di fronte ad un bivio: “Finì perché non potevo seguirlo nella droga e negli altri suoi vizi. Giorgio era circondato da donne in adorazione; non si capacitava che una potesse dirgli di no. Ma io lo adoravo quando lui, un genio, era sul palco. Nella vita lo amavo come si ama un uomo. E delle altre non me ne fregava niente“.

Quando poi nella vita della Vanoni arrivò Renato Salvatori, fu Strehler a ritornare: “Veniva a casa mia e cominciava a ripetere ‘Con te non posso vivere, senza di te non posso vivere’. Una volta, anni dopo, mi telefonò: ‘Tu devi tornare con me, ti voglio al mio fianco…’. Lo informai che stavo per sposarmi“.

Ornella Vanoni: la confessione sul suo patrimonio

ornella vanoni instagram
Ornella Vanoni su Instagram

Arrivano poi anche importanti dichiarazioni su Gino Paoli, altro grande amore della Vanoni che ricorda il loro primo bacio tra le risate dovute a quei pettegolezzi e dicerie maligne che si portavano, entrambi, alle spalle. Poi la confessione sul patrimonio, mediaticamente stimato oltre i 118 milioni ma non veritiero: “I soldi li ho sempre persi tutti. [..] Un po’ perché mi fregavano: a fine tournée talora mi davano solo una parte di quel che mi spettava; sapevano che non avrei controllato – spiega la Vanoni – E un po’ per un senso di solitudine. Ero sempre da sola nelle mie scelte; e gettavo via il denaro. Compravo una casa, la arredavo, poi vedevo che nessuna veniva a trovarmi, neppure mio figlio, e la rivendevo, magari a metà prezzo“.