Connettiti con noi

TV e SPETTACOLO

Peppe Vessicchio dopo l’addio ad Amici di Maria De Filippi: “Spaesato, senza equilibrio”

Un impegno quotidiano interrotto all’improvviso: cos’è accaduto subito dopo l’addio ad Amici del maestro

Pubblicato

su

beppe vessicchio amici di maria de filippi

Beppe Vessicchio per tutti ma anche Peppe come lui stesso scrive su Instagram, è indubbiamente non solo uno dei più grandi arrangiatori e direttori d’orchestra dell’attuale panorama musicale italiano ma anche uno personaggio televisivo particolarmente amato e apprezzato dal pubblico, forgiato dal fuoco di Amici di Maria De Filippi. Il talent che lo ha sdoganato facendolo conoscere anche ai più giovani ma anche lo stesso che lo ha poi “lasciato a piedi” in una sorta di comune accordo.

A distanza di anni dal suo “stop” al talent di Canale5, Peppe Vessicchio ritorna su quel frenetico momento.

Peppe Vessicchio e l’abbandono di Amici

Dallo studio di Amici di Maria De Filippi al ruolo di spicco come direttore d’orchestra al Festival di Sanremo: oltre ad una carriera musicale prestigiosa e applaudita da tutto il mondo, Peppe Vessicchio si sa, è un personaggio televisivo entrato nel cuore del pubblico italiano tanto adulto quanto adolescente. Un volto bonario, sano, ligio, di quelli che non hanno mai nauseato ma solamente affascinato anche chi, di musica, ha sempre capito molto poco. Recentemente intervistato a Il Corriere della Sera proprio poco prima di diventare un bisnonno-bis, Peppe Vessicchio si è raccontato aprendosi su quella parentesi passata immediatamente successiva al suo addio al talent di Maria De Filippi.

Spaesato“, cos’è accaduto dopo l’addio alla De Filippi

C’è stato un momento della mia carriera in cui lavoravo moltissimo e soprattutto in televisione – ricorda Vessicchio a Il CorriereC’era la serialità di Amici e di tanti altri programmi, una popolarità diffusa, capillare. Lusinghiera, non lo nascondo. Ma io sentivo che mi stavo immettendo in un’autostrada in cui facevo le cose per un senso di inerzia, per dovere, per lavoro“. Come piccola parte di una grande macchina, Vessicchio ha temuto di aver perso il senso: “Poi, a un certo punto, la serialità televisiva si interruppe. Per tanti motivi, incluso un sano ricambio di personaggi. In un primo momento rimasi spaesato, senza equilibrio. Ma dopo mi sono accorto che senza quel senso di ripetitività potevo fertilizzare la mia musica“. E così è stato con il ritorno alle origini per Vessicchio che dopo lungo tempo ha ripreso in mano un vecchio progetto musicale passato lasciato a metà. Ora bisnonno alla sola età di 65 anni, si gode le nipoti: “Ma io ho i capelli e barba bianca, sono in quella fase della vita in cui si pensa alle restituzioni“.