Connettiti con noi

MUSICA

Roberto Vecchioni, il retroscena su Samarcanda: il ritornello nato rischiando un incidente

Il “professore” della musica svela l’aneddoto alle spalle del celebre “oh oh cavallo”

Pubblicato

su

Roberto Vecchioni in concerto

Il cantautore e professore Roberto Vecchioni torna in libreria con Canzoni, nuova fatica letteraria che fa seguito ai precedenti Storie di felicitàLezioni di volo e di atterraggio. Edito da Bompiani, il libro raccoglie le lezioni tenute proprio da Vecchioni insieme al semiologo Paolo Jachia e lo storico chitarrista Massimo Germini, raccontando e analizzando al suo interno 25 canzoni del proprio repertorio, rivelandone curiosità e aneddoti celati fino a questo momento. Tra questi la curiosa genesi di Samarcanda quel motivetto “oh oh cavallo“, nato da un imprevisto.

Roberto Vecchioni: Canzoni e l’aneddoto su Samarcanda

Intervistato da la Repubblica, Vecchioni cala subito l’asso parlando di una delle sue canzoni più importanti, entrata nell’immaginario collettivo di intere generazioni: Samarcanda. “La prima volta che si legge la storia che ho raccontato in Samarcanda è nella Bibbia, nel Libro della Sapienza di Salomone, quando vuole salvare due amici e l’Angelo della morte si arrabbia con lui“, racconta l’artista di Carate Brianza, rivelando quanto le sue letture furono di ispirazione nella propria produzione musicale: “Appena letto questa storia volevo farne una canzone. Però dovevo andare a Bologna e mentre viaggiavo mi sono venute le parole: mi sono fermato un paio di volte per scrivere quattro frasi che altrimenti non avrei ricordato. Poi, per il resto, arrivato a Bologna avevo già la canzone, quasi tutta, tranne il ritornello“.

E proprio sul ritornello il musicista e paroliere rivela un retroscena inaspettato: “Quello è nato perché uno davanti a me ha inchiodato improvvisamente e a momenti gli vado addosso. Allora gli ho gridato: ‘Oh oh cXXXXXne!’ e immediatamente ho avuto una folgorazione ed è diventato ‘oh oh cavallo’.

Roberto Vecchioni e la genesi di Canzoni

Roberto Vecchioni racconta Samarcanda

“Ho tenuto per 8 anni il corso Forme di poesia in musica all’Università di Pavia, in cui sono partito dalla Grecia antica passando per i trovatori, il barocco, il Rinascimento fino a prendere dei personaggi contemporanei come Giorgio Gaber, Fabrizio De André, Francesco De Gregori per analizzare un argomento da loro trattato“, con queste parole Roberto Vecchioni introduce e racconta la genesi di Canzoni, un libro che vuole approfondire e sviscerare che cosa sia realmente una canzone e quali elementi nel tempo sono andati a costruirne la struttura che conosciamo.

Dopo tutto questo tempo a parlare degli altri, i miei collaboratori mi hanno suggerito di parlare di me“, prosegue il cantautore, esponendo poi come abbia distillato dal proprio ampissimo repertorio i pezzi di cui raccontare le storie: “Non sono necessariamente le più famose ma ognuna di loro ruota intorno a un tema che è stato importante per la mia vita. Alla fine ne sono state tirate fuori venticinque che credo rappresentino bene i miei principi“.

Advertisement

Più Musica

Advertisement

LaWebstar Copyright © 2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 36461 Editore e proprietario: Sima Editore s.r.l.s.