Connettiti con noi

NEWS

Sgarbi attacca Fedez, è scontro sui social per il ddl Zan: “Ma chi ca**o è Fedez?”

L’attacco di Vittorio Sgarbi e l’immediata replica di Fedez

Pubblicato

su

vittorio sgarbi contro fedez

È scontro sui social tra Vittorio Sgarbi e il cantante Fedez e al centro del dibattito c’è la discussione sul ddlZan, tema di dibattito politico e non solo ormai da mesi in Italia. L’ultimo atto del dibattito “social” sul tema è proprio tra Vittorio Sgarbi e Fedez con il critico d’arte che rimprovera il cantante e la compagna Chiara Ferragni alla luce delle ultime dichiarazioni che aveva portato la coppia, forte su Instagram, a definire “schifosa” la classe politica con mirato riferimento a Matteo Renzi.

Sgarbi attacca Fedez e Chiara Ferragni: il dibattito sul ddl Zan

Ma chi ca**o è Fedez?“, inizia così il breve sfogo di Vittorio Sgarbi che impugna un tweet di Fedez in risposta a Matteo Renzi. “Sono persone di cui si parla – Sgarbi parlando di Fedez e Ferragni – ma se voi aveste avuto un cancro come l’ho avuto io, chiedereste a Fedez cosa fare?“. Così Sgarbi rimprovera Fedez per i suoi recenti interventi in merito al ddlZan, il disegno di legge contro la omotransfobia. “Lui parla di leggi e a parte lo schifo di Renzi, che si può comunque insultare, ci sono persone che non fanno i politici caro Fedez che si chiamano Flick, Michele Ainis, Staino, si chiamano Ricolfi… tutti di sinistra e hanno espresso i loro dubbi si una legge che, come tutte le leggi, democraticamente, caro Fedez, si può discutere“.

Nessuno vuole negare l’opportunità di lottare contro l’omofobia“, puntualizza Sgarbi entrando poi nello specifico citando il tweet di Fedez rivolto a Matteo Renzi:

fedez e il tweet in risposta a matteo renzi
Il tweet di Fedez in risposta a Matteo Renzi. Fonte: Twitter

“‘Che schifo che fate, i politici fanno schifo’. I politici fanno quelli che qualcuno ha eletto, che ha votato e discutono per trovare una soluzione e siccome le leggi si fanno sulla base della Costituzione, della conoscenza, dell’esperienza, gli uomini di legge come Ainis, Flick, Ricolfi hanno dato indicazioni politiche per correggere, si può correggere? – domanda Sgarbi a Fedez Gli errori di grammatica che fai tu caro Fedez non si possono correggere? Siete perfetti?“. La chiusura è quanto di tutto più rimane impresso e a cui seguirà successivamente la replica di Fedez:

“Tutti dobbiamo dire che siamo contro l’omofobia, certo, ma non per questo la legge deve essere scritta come vuole il signor Zan. Lo conosco bene e so che con i suoi amici omosessuali fa affari, ha una società per produrre i vari gay pride, quindi ha una sua posizione, che è rispettabilissima, ma si può discutere o no? La democrazia è questo o no?”

VITTORIO SGARBI

Riprendendo in ultimo proprio le parole di Fedez rivolte a Matteo Renzi, la frecciatina: “E tu non hai mai fatto la pipì sulla testa della Ferragni? Siamo sicuri che non hai mai fatto cose che hanno a che fare con la meraviglia della pipì? Ecco, la pipì in fondo può essere meglio della pioggia. Vaffanc**o Fedez“.

La replica di Fedez su Twitter

Praticamente immediata la risposta del cantante che via Twitter, riprendendo il video di Sgarbi che lo ha avuto come protagonista, risponde:

“Leggendo i titoli di oggi pensavo seriamente di essere stato io ad aver abbassato il livello del dibattito politico italiano. Poi su ‘Ma Fedez la fa la pipì in testa alla Ferragni?’ del deputato Sgarbi ho tirato un sospiro di sollievo”.

FEDEZ
fedez risponde su Twitter a Vittorio Sgarbi
Fedez replica a Vittorio Sgarbi. Fonte: Twitter