Connettiti con noi

PROGRAMMI

Silvia Provvedi a Verissimo: “Il rapporto con il mio compagno in carcere”

Le Donatella si sono date forza a vicenda in quella che è stata un’intervista difficile

Pubblicato

su

provvedi verissimo

Le sorelle Provvedi ospiti a Verissimo: tante lacrime

Silvia e Giulia Provvedi sono state ospiti oggi a Verissimo (domenica 25 settembre) di Silvia Toffanin. Per Le Donatella, dopo la recente scomparsa dell’amato papà, a causa di un infarto, l’intervista a Verissimo non è stata delle più semplici. Le due gemelle infatti hanno versato molte lacrime che però Silvia ha saputo accogliere nel modo migliore. Gli argomenti trattati sono stati molti: anche quello delicato del carcere, ed il compagno di Silvia, Giorgio De Stefano.

“Ha un legame unico con Nicole”

Per la prima volta Silvia Provvedi ha raccontato a Verissimo, la sua relazione con il compagno Giorgio De Stefano (attualmente in carcere, con una condanna in primo grado a 12 anni, come riporta il sito di Verissimo). Più che altro Silvia si è concentrata su quello che lei e il compagno hanno dato alla vita: la loro bambina, Nicole (nata a giugno del 2020, in piena pandemia). Nonostante il compagno della Provvedi attualmente si trovi in carcere, è riuscito comunque ad instaurare un legame molto forte con la piccola, come testimoniato dalle parole di Silvia.

Con il mio compagno procede bene. Lui ha un legame unico e inspiegabile con Nicole, anche se ha passato poco tempo assieme a lei”, ha appunto spiegato l’ex fidanzata di Fabrizio Corona. De Stefano, infatti, sarebbe stato arrestato proprio nei giorni successivi la nascita della sua bambina, e dunque per questo motivo papà e figlia avrebbero potuto frequentarsi davvero poco. Il periodo più duro della pandemia, poi, non ha di certo aiutato o agevolato i loro incontri. “Lei vive per lui. Lei sa già che l’amore per il padre è grandissimo“, ha chiosato Silvia Provvedi, nella commozione.

LaWebstar Copyright © 2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 36461 Editore e proprietario: Sima Editore s.r.l.s.