Connettiti con noi

TV e SPETTACOLO

Stalking e lesioni aggravate: le terribili accuse al conduttore Rai Enrico Varriale

L’uomo si è difeso davanti ai magistrati

Pubblicato

su

Telecamera Rai

Stalking e lesioni aggravate; queste, come riporta la Repubblica, le pesanti accuse mosse al giornalista e conduttore televisivo Enrico Varriale, recentemente destituito dall’incarico di vicedirettore di Rai Sport. A muoverle è una donna, la ex compagna, che ha raccontato in maniera dettagliata ai magistrati una situazione di ripetute molestie e aggressioni.

La relazione tra Enrico Varriale e la donna è iniziata a novembre 2020 ed è proseguita sino all’inizio dell’estate appena conclusa, in corrispondenza dell’apertura degli Europei di calcio. Un rapporto, che stando a quanto raccontato dalla donna, era nato nel migliore dei modi, portandola a trasferirsi a Roma dalle Marche, salvo poi incrinarsi col tempo.

Enrico Varriale accusato dalla ex fidanzata di stalking e lesioni aggravate

Quello descritto dalla donna è un Enrico Varriale estremamente possessivo e geloso, facile preda di raptus di aggressività durante le discussioni. Inizialmente la donna ha attribuito i comportamenti del giornalista allo stress lavorativo, fino ad un primo episodio di violenza avvenuto, stando al suo racconto, il 29 luglio, giorno in cui Varriale avrebbe colpito la donna al volto con uno schiaffo.

Nemmeno una settimana dopo, un nuovo episodio, sempre nato da motivi di gelosia in cui Enrico Varriale avrebbe percosso la donna, colpendola con calci e afferrandola per il collo. I referti medici relativi evidenziano una “ferita lacero contusa al terzo medio del braccio sinistro, una ecchimosi a carico della mano sinistra, una tumefazione del gomito destro con dolenza alla mobilizzazione attiva, abrasioni alla base del collo e a carico del ginocchio sinistro, giudicate guaribili in cinque giorni”.

La testimonianza del portiere accorso dopo le urla

Enrico Varriale

A confermare il tutto ci sarebbe anche la testimonianza del portiere dell’abitazione, accorso all’appartamento dopo aver sentito alcune urla e averla “trovata in lacrime con segni visibili sul collo”. Dopo quel giorno, la donna ha inoltre denunciato Varriale lamentando appostamenti sotto la sua abitazione e chiamate ad ogni ora del giorno e della notte.

Nella giornata di ieri, 30 settembre, Enrico Varriale, storico volto del giornalismo sportivo televisivo, ha presentato a sua volta la personale versione dei fatti al magistrato, rigettando le accuse e descrivendo il racconto fatto dalla donna come esagerato.

Advertisement

Più Tv e Spettacolo

Advertisement