Connettiti con noi

PROGRAMMI

Star in the Star fa arrabbiare Mediaset: il programma potrebbe cambiare già dalla seconda puntata

Pier Silvio Berlusconi non avrebbe preso bene le difformità rispetto a quanto previsto dal contratto

Pubblicato

su

Star in the Star prima puntata

Non si placa il caos attorno a Star in the Star, il nuovo show di Mediaset condotto da Ilary Blasi che propone una gara canora tra misteriosi vip camuffati da star musicali. Dopo le polemiche per la troppo evidente somiglianza con programmi come Tale e Quale Show e Il cantante mascherato, ad agitare le acque è l’indiscrezione riportata da Dagospia che vuole un Pier Silvio Berlusconi furente con la società di produzione del programma, Banijay, a causa di clausole del contratto d’appalto che sarebbero state disattese.

Star in the Star: il programma non doveva essere così

Ad aver fatto storcere il naso, per usare un eufemismo, al CEO di Mediaset sarebbe stata la difformità sul “meccanismo di imitazione” proposto da Star in the Star. Fulcro dello show avrebbe dovuto essere la fortissima e stupefacente somiglianza tra i concorrenti e i rispettivi cantanti da replicare sul palco. L’effetto finale però non ha convinto, tra maschere eccessive e “rigide” e differenze davvero troppo evidenti per poter “vedere” davvero Michael Jackson sul palco.

Allora si cambi, e in fretta, o Mediaset prenderà provvedimenti, questa la situazione attuale secondo quanto Dagospia ha fatto emergere. Pier Silvio Berlusconi non avrebbe perso tempo a far recapitare le sue intenzioni negli uffici della Banijay e che ora si aspetta immediati provvedimenti, magari già dalla seconda puntata, o non sarebbero escluse richieste danni e querele.

L’esordio drammatico di Star in the Star

A pagare probabilmente più di tutti la situazione caotica dietro le quinte è Ilary Blasi, che si è trovata tra le mani una patata bollente inaspettata, tra critiche preventive e ora litigi tra la rete e la società di produzione dello show. L’esordio non è stato poi salvato nemmeno dal pubblico, che e ha fatto registrare un misero 11% di share. Insomma, per non ricordarsi di questo esperimento solo come un enorme flop, la vera star dovrà essere Ilary.