Connettiti con noi

Trend

Text with Jesus: grazie all’AI arriva l’app per chattare con Gesù

Che cos’è e come funziona l’app che permette di “chattare” con Gesù e non solo

Pubblicato

su

text with jesus app chattare gesù

Chattare con Gesù ora si può: i confini non esistono per l’AI, arriva l’app Text with Jesus

Chissà se esistono dei confini, delle colonne d’Ercole per l’Intelligenza Artificiale che sta mettendo alla prova l’umanità, e non il contrario: arriva tra le novità dell’estate una bizzarra nuova app, alla cui base c’è proprio l’AI, che permette di “chattare” con Gesù.

Si tratterebbe di una vera e propria chat che si rivolge al pubblico di fedeli che può curiosamente mettersi in contatto, e propriamente scrivere, a Gesù: cosa sappiamo di Text With Jesus.

Come funziona Text with Jesus: come si può chattare con Gesù e non solo grazie all’AI

Avete mai immaginato di parlare con Gesù? Chi ha fede in Dio probabilmente sì e si sarà immaginato anche un discorso molto intimo, recitato probabilmente fra sé e sé nella propria camera o in ginocchio in una Chiesa. Dimenticatevi però di questa immagine fin troppo intimistica per lasciare spazio al futuro, o meglio, all’AI, l’intelligenza artificiale. Proprio così, per spazzare via quello che è sempre stato il soliloquio con Gesù, arriva una chat che permette di parlare “realmente” con Gesù che addirittura risponde anche.

Si chiama Text with Jesus l’app che è stata messa a punto da una piccola società di Los Angeles. Proprio così, nel 2023, grazie all’intelligenza artificiale oggi è possibile “parlare con Gesù”, e oltretutto sarà lui a rispondere. Sembrano però esserci dei limiti alla conversazione: pare infatti che non si potrà chattare con Gesù parlando proprio di tutto. L’app propone di offrire una “simpatica” soluzione ai fedeli che nutrono continuamente dubbi o curiosità su Nuovo e Vecchio Testamento.

Alla base c’è Chat GPT: tra i tanti, risponderanno anche Adamo ed Eva e Giuda, e c’è anche un abbonamento

Al momento l’applicazione non è disponibile in Italia ma solamente in America, anche se è lecito pensare che si scontrerà prima con un importante dibattito etico-teologico prima di arrivare. Per quanto riguarda il funzionamento, l’app non funziona in maniera diversa dal già noto ChatGPT, con la diversità che però a rispondere sono “i personaggi biblici” su intuizioni dell’intelligenza artificiale.

L’app dovrebbe essere gratuita ma con delle limitazioni: pare si possa conversare con i profeti a “tempo”. Chi volesse intavolare conversazioni più ampie e profonde, dilungandosi, potrebbe dover sottoscrivere e pagare un vero e proprio abbonamento. Non c’è infatti solo Gesù a rispondere ma anche Maria, la Maddalena, Adamo ed Eva. Insomma, un vero dialogo con la religione stessa in chiave moderna… e distopica.

Copyright 2023 © riproduzione riservata Lawebstar.it - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 Editore e proprietario: Sport Review S.r.l. P.I.11028660014