Connettiti con noi

TREND

“Un milione di dollari a chi arresta Putin”: l’offerta via social di un banchiere russo

Ha fatto scalpore la proposta di un banchiere russo che ha offerto un milione di dollari a qualunque agente che arresti Putin

Pubblicato

su

putin

Una taglia sulla testa di Putin: un milione di dollari a chi lo consegna alla giustizia

Wanted Dead or Alive, ricercato morto o vivo. Questo si leggeva nel profilo Facebook del banchiere russo Alex Konanykhin. L’uomo, un banchiere con alle spalle un passato burrascoso con le autorità russe, ha promesso un milione di dollari a qualsiasi agente che arresti Putin. Secondo Konanykhin Putin sarebbe “criminale di guerra ai sensi delle leggi russe e internazionali”. Questo si leggeva nel post che, però, è stato rimosso dopo pochi minuti.

Post rimosso ma promessa vigente

putin

Come riportato da Il Sole 24 Ore, così l’uomo d’affari avrebbe rincarato poi la dose sul suo profilo Linkedin con un altro post: “Putin non è il presidente russo poiché è salito al potere come risultato di un’operazione speciale di esplosioni di condomini in Russia, ha poi violato la Costituzione eliminando le libere elezioni e uccidendo i suoi oppositori“. Nonostante le sue società valessero centinaia di milioni, pare che Alex Konanykhin abbia dovuto lasciare la Russia nel 1992 e chiedere asilo politico negli Stati Uniti, dove avrebbe poi svolto gran parte della sua attività di imprenditore.

LaWebstar Copyright © 2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 36461 Editore e proprietario: Sima Editore s.r.l.s.