Connettiti con noi

TV e SPETTACOLO

Enrica Bonaccorti e la caduta di faccia: “Non è un caso, la psicologa me l’ha detto”

Il racconto dell’opinionista sull’incidente

Pubblicato

su

Enrica Bonaccorti

“Non mi ha menato nessuno, sono caduta”: Enrica Bonaccorti spiega i lividi e le fratture

Enrica Bonaccorti ha mostrato alcuni giorni fa, tramite il suo profilo Instagram, i danni che ha riportato in seguito ad una caduta. La donna ha sbattuto il volto e ha riportato la frattura della spalla, ma non ha perso il sorriso e la voglia di raccontarsi. Così, dopo l’ondata di affetto ricevuta nelle ore seguenti la pubblicazione delle foto, ha rilasciato un’intervista al Corriere della Sera, durante la quale ha spiegato cosa le è accaduto.

La spalla rotta non è un caso: “Me l’ha detto un’amica psicologa”

“Non mi ha menato nessuno, sono caduta di faccia e mi sono sbriciolata la spalla”, aveva scritto Enrica Bonaccorti sui social. Il trauma è stato violento e le conseguenze sono vistose a causa dei lividi sul viso. Sulla caduta, l’opinionista e scrittrice ha raccontato: “Sicuramente è legata all’età perché le vecchie signore cadono e si rompono”. Ironica, nonostante il dolore che la sta affliggendo, la donna ha rivelato anche di aver parlato con un’amica psicologa, la quale le ha fatto notare un dettaglio in merito a quanto accaduto: “Mi ha detto che non è un caso se mi sono rotta la spalla perché ho tanti pesi sulle spalle”.

L’ultimo periodo non è stato facile da affrontare per Enrica Bonaccorti. A stravolgerle la vita è stata infatti la morte del compagno, avvenuta un anno fa. Il suo legame con la figlia Verdiana e il nipote appena maggiorenne Matteo si è dunque stretto ancora di più ed oggi è il suo motivo di coraggio e speranza. A non farle mancare il proprio sostegno è inoltre il suo affezionatissimo pubblico: “È qualcosa che mi avvolge come una carezza calda”, ha ammesso Enrica Bonaccorti.

LaWebstar Copyright © 2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 36461 Editore e proprietario: Sima Editore s.r.l.s.