Connettiti con noi

PROGRAMMI

Luigi Strangis vince Amici: come spenderà il premio da 150mila euro

Non solo musica: nei pensieri del vincitore di Amici ci sono i genitori

Pubblicato

su

Luigi Strangis spenderà il premio di Amici di Maria De Filippi

Luigi Strangis: il vincitore di Amici si sbottona sul premio

Luigi Strangis si è aggiudicato domenica sera la vittoria di Amici di Maria De Filippi e un conseguente premio in denaro pari a 150mila euro. Un premio consistente che il cantante ha già ben chiare le idee su come spenderlo e non manca il pensiero ai genitori.

Luigi Strangis spenderà così i 150mila euro vinti ad Amici

Telegram Invito LaWebstar

Sicuramente un progetto musicale, ma anche un regalo per i genitori che lo hanno sempre sostenuto. Così Luigi Strangis rivela come spenderà una piccola parte dei 150mila euro vinti con la vittoria di Amici di Maria De Filippi. 21esimo campione del talent e intervistato dal Corriere, Strangis confessa di aver pensato subito a mamma e papà dopo aver trionfato a Canale5. L’ormai ex allievo ha infatti intenzione di usare bene tutto quel denaro, senza dimenticarsi di chi fino ad oggi ha creduto in lui prima che lo facesse il pubblico televisivo.

Luigi dedica la vittoria ai coetanei in guerra: “A chi sogna e canta sotto un cielo di bombe”

Luigi Strangis spenderà il premio di Amici di Maria De Filippi

Vorrei investirli tutti nella musica, nel mio lavoro – commenta Luigi Strangis parlando del denaro vinto ad AmiciE magari fare un regalo ai miei genitori, un bel viaggio. Loro sì che se lo meritano“. Raggiunto anche dall’AdnKronos sempre il vincitore di Amici riflette sul senso di questa importante vittoria arrivata dopo mesi di sfide, di canzoni, di studio: “È una soddisfazione personale incredibile – racconta Strangis – soprattutto per il percorso fatto, perché so da dove sono partito e dove sono ora“. Una soddisfazione che non annebbia però i pensieri del cantante che sa di essere, in un periodo storico estremamente complesso, molto fortunato: “Questa mia vittoria la voglio dedicare a loro che devono fare i conti con la guerra – dichiara riferendosi ai coetanei – A chi sogna e canta sotto un cielo di bombe. Vorrei che la musica desse loro un momento di evasione e di speranza. Perché la musica è libertà e libertà e musica sono i pilastri della mia vita“.