Connettiti con noi

TV e SPETTACOLO

Lutto per Peppe Vessicchio: la lettera d’addio all’amico scomparso

La commovente lettera d’addio e il ricordo di Peppe Vessicchio al comico scomparso Gino Cogliandro

Pubblicato

su

Vessicchio Gino Cogliandro

Peppe Vessicchio: la lettera d’addio a Gino Cogliandro

Tra le persone che più accusano il dolore per la morte dell’attore e comico Gino Cogliandro c’è sicuramente Peppe Vessicchio, celebre direttore d’orchestra che in pochi sanno essere stato anche un comico. Così proprio Vessicchio ha voluto dedicare una lunga lettera all’amico scomparso.

Gino Cogliandro e il mito de I Trettrè

Scrive probabilmente di getto Peppe Vessicchio ricordando l’amico scomparso ieri, Gino Cogliandro. Un attore, un comico e un volto familiare per i tanti della generazione “Drive In”. Il successo l’aveva raggiunto con il trio comico I Trettrè, e proprio di loro parla Vessicchio che sempre con loro aveva condiviso attimi di vita vissuta ma anche tante occasioni lavorative. “Conosco Gino Cogliandro da quando avevo vent’anni – scrive Vessicchio in una lunga lettera pubblicata su Agi – Frequentavamo un piccolo localino situato nella zona tra piazza Amedeo e via Tasso denominata ‘parco Margherita‘”.

L’addio di Vessicchio: “Un entusiasta per natura”

Tra gli habitué del posto c’era anche proprio Vessicchio, e lì era avvenuto il primo contatto con la comicità napoletana di Cogliandro che descrive così: “Un entusiasta per natura. Certamente non passava inosservato. Io lo avevo visto in palcoscenico una sola volta, al fianco di Edoardo, in una sarcastica parabola messa in scena proprio al club che si trovava nei sottoscala di un antico palazzo“. Affiorano tutti i vecchi ricordi nella mente del maestro, momenti di vita vissuta proprio al fianco di quel comico che gli ispirava fiducia e protezione.

Ricordi che lo riportano al momento in cui la sua vita si incrociò con quella del trio I Trettrè: “Ho il ricordo gioioso di un viaggio in auto fatto insieme a loro tre nel quale si percepiva la consapevolezza di aver trovato ognuno la propria strada, e di averla trovata solo nel momento in cui più  condizioni la rendevano possibile“. In ultimo, il saluto finale: “Mancherà a chi lo ha ammirato in tv ma soprattutto a chi ha avuto la grande fortuna di frequentarlo“.

LaWebstar Copyright © 2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 36461 Editore e proprietario: Sima Editore s.r.l.s.