Connettiti con noi

TV e SPETTACOLO

Paura per Sandro Ruotolo: “Sedato e intubato, mi hanno preso in tempo”

Un grande spavento nelle scorse ore per il giornalista e politico

Pubblicato

su

sandro ruotolo

Ore di spavento per Sandro Ruotolo: che cosa è successo

Ore di paura per il giornalista e politico Sandro Ruotolo, 67 anni, che è finito in ospedale per un broncospasmo. Ruotolo ha parlato ai suoi più affezionati direttamente tramite un post su Facebook, mostrandosi anche con un aspetto fragile, e che ha fatto preoccupare non poco gli utenti. Ora il giornalista ha ammesso di stare meglio, e di essere dunque sulla via della ripresa: nel momento in cui starà davvero bene, potrà raccontare cosa gli è successo, e spiegarsi al meglio.

Ruotolo rassicura: “Il peggio è passato”

Queste le parole di Ruotolo, nel post su Facebook: “Finalmente il peggio è passato. Solo ora vi posso raccontare quello che mi è successo negli ultimi 12 giorni”. Ancora: “E ve lo posso raccontare perché sono vivo e mi ha salvato la vita il servizio sanitario nazionale del nostro Paese. Mi hanno preso in tempo. Domenica 23 ottobre“. Ancora, su cosa ha avuto il giornalista: “Un broncospasmo mi blocca la respirazione. Chiamo il 118. In 4 minuti arriva l’autoambulanza. Perdo subito conoscenza. Codice rosso“.

Sedato e intubato per 2 giorni e mezzo. E poi la rianimazione in un ospedale romano, per tutti questi giorni fino al passaggio in reparto, avvenuto oggi pomeriggio. Ringrazio pubblicamente queste donne, questi uomini, medici, infermieri del servizio sanitario pubblico. Tutti, ma proprio tutti, li ringrazio per la passione, la professionalità, l’impegno“. Infine: “So che tanti amici hanno pregato per me nei momenti più drammatici. E li ringrazierò per sempre. Volevo aspettare di uscire dalla rianimazione prima di parlarne pubblicamente. Viva il servizio sanitario nazionale del nostro Paese!“.

Che cos’è un broncospasmo

Un broncospasmo si presenta come un restringimento temporaneo dei bronchi, dovuto alla contrazione della parete dei muscoli. Questa problematica porta alla riduzione della possibilità bronchiale e dunque una drastica riduzione del volume d’aria che arriva ai polmoni. A questo punto, la persona avrà la sensazione di soffocare: i sintomi infatti sono tosse, fatica a respirare e pesanti rantolii. Una sensazione, che con l’infezione da Covid dell’ultimo periodo, molti hanno tragicamente provato.

LaWebstar Copyright © 2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 36461 Editore e proprietario: Sima Editore s.r.l.s.