Connettiti con noi

TREND

Re Carlo spiazza il fratello Andrea: “È finita, non sarai più un reale a pieno titolo”

Svelato il colloquio privato tra i due fratelli

Pubblicato

su

Re Carlo Principe Andrea

Il principe è stato estromesso dalla Casa Reale: Andrea ora è sotto shock per la decisione di Re Carlo

La Regina Elisabetta II era ancora viva, ma il futuro Re Carlo aveva già chiaro in mente un provvedimento da attuare nei confronti del principe Andrea. Tra i due fratelli sarebbe avvenuto un colloquio destinato proprio a questa comunicazione, ovvero al bando definitivo e irrevocabile come membro della Royal Family britannica. Nessun incarico pubblico e perdita di rango per Andrea, che ne sarebbe uscito completamente devastato.

“Devi accettarlo, non tornerai mai più un reale”

Il Mail on Sunday ha raccontato i retroscena di questo confronto tra i due, avvenuto pochi giorni prima del decesso della Regina. “Andrea, è finita. Non tornerai mai più ad essere un reale a pieno titolo. Puoi continuare a fare una bella vita, in ogni caso. Ma non riavrai mai più il tuo ruolo pubblico in famiglia, devi accettarlo”, questo il messaggio di Carlo ad Andrea.

Dopo il provvedimento di Re Carlo la sua vita è stata stravolta

La prospettiva di una vita agiata, ma priva di incarichi e di ruoli all’interno della famiglia reale, non è però apparentemente sufficiente per Andrea, che non avrebbe reagito bene alla conversazione avvenuta nei primi giorni di settembre. Sempre il giornale ha definito il principe “sotto shock, completamente perso e molto depresso” in seguito alla comunicazione di Carlo.

Il coinvolgimento in alcuni scandali sessuali gli è costato caro

Il motivo di questo provvedimento risiede nel coinvolgimento di Andrea in una serie di scandali sessuali che hanno avuto come altro protagonista Jeffrey Epstein, grande amico del principe. Seppur con un patteggiamento Andrea abbia evitato il processo, non è riuscito ad evitare il provvedimento del fratello.

LaWebstar Copyright © 2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 36461 Editore e proprietario: Sima Editore s.r.l.s.