Connettiti con noi

TV e SPETTACOLO

Morgan, l’affondo a Simona Ventura: “Evita di schierarti dalla parte sbagliata”

Ballando con le Stelle sì, ma è solo lavoro

Pubblicato

su

morgan e simona ventura, ballando con le stelle

Morgan sarà a Ballando con le Stelle: il nome del cantante e cantautore italiano è stato uno dei primi a filtrare appartenenti alla rosa scelta da Milly Carlucci per una nuova edizione del suo show in onda su Rai1. Svelato il suo approdo, anche l’amica ed ex collega a X-Factor, Simona Ventura aveva voluto commentare la notizia augurandogli la finale, ma facendo anche allusione al fatto che Morgan sia, tutto sommato, una sorta di “scheggia impazzita” che Milly Carlucci avrebbe dovuto tenere a bada.

A Morgan non passano inosservate le parole della Ventura e dalle pagine di Rolling Stone arriva la risposta del musicista.

Morgan a Ballando con le Stelle, la risposta a Simona Ventura

Carissima Simona Ventura, io non solo mi ritengo totalmente fuori dal mio contesto naturale, ma di essere inappropriato in quel ruolo“, inizia così la lunga lettera che Morgan ha voluto far pubblicamente recapitare alla Ventura dove discute il suo recente arruolamento nel cast di ballerini in gara alla futura edizione di Ballando con le Stelle. Non proprio il coronamento di un sogno quanto più una necessità, spiega Morgan: “Io che sono un uomo di cultura, con 3 figlie, che ha voglia di vivere, che ha lavorato tanto ma vive una dimensione che prende il nome di ‘mobbing’ sono costretto a farlo“. Si descrive così il musicista come una persona regolarmente vittima di un reato perpetrato a sua detta dalla Rai ma così dal mondo della discografia e più in generale dalla stampa, dalla giustizia, dalla società.

Le accuse di mobbing di Morgan: “Non ho più avuto un lavoro

Lamenta poi Morgan il fatto di essere arruolato in un programma di danza quando il suo più grande ambito di conoscenza riguarda la musica e la canzone italiana: “Quando si fa un programma su questo tema, la Rai non lo affida a me, ma a persone con meno competenze ed esperienza – dichiara il cantante – [..] E io non dovrei fare la televisione? Non lavoro, così mi portano via la casa, mi pignorano i concerti, mi denunciano perché non pago gli alimenti alle figlie?”. Torna poi su un vecchio fatto, il Sincero-Gate, il testo della canzone da lui “manomesso” sul palco del Festival di Sanremo a renderlo invettiva nei confronti di Bugo: “Tutti hanno guadagnato da questa trovata, la Rai, lo stesso Bugo, chi ha lavorato al brano, solo io non ho preso un euro e non sono stato chiamato a nessuna trasmissione. Sono stato mobbizzato e non ho più avuto un lavoro“.

Credi che mi piaccia fare il buffone?”

In ultimo, l’appello alla Ventura: “Credi mi faccia piacere fare il buffone? No, ma lo faccio perché ho ironia e poi voglio mantenere le mie figlie – scrive a conclusione della missiva Morgan invitato l’amica a non schierarsi dalla “parte sbagliata” – che non hanno nessuna colpa, meritano di vivere al meglio perché sono figlie di una persona che nella vita eccelle. Solo che l’Italia mobbizzatrice bigotta e arretrata continua a squalificarmi. Non farlo anche tu“.