Connettiti con noi

TV e SPETTACOLO

Soleil Sorge difesa dalla madre e dalla zia contro Alex e Delia

A prendere le difese della vippona, stavolta, ci pensano mamma e zia

Pubblicato

su

Soleil Sorge GF Vip

Dopo quanto accaduto sabato, le donne di casa Sorge si mobilitano per difendere l’influencer

All’interno della Casa sta accadendo di tutto: è entrata Delia Duran, è rientrato Alex Belli e, colpo di scena, Soleil e Delia si sono baciate durante la festa avvenuta sabato nel bunker di Cinecittà. A tornare però su tutto quello che sta succedendo, adesso ci pensano sia la madre di Soleil, Wendy Kay, che la zia dell’influencer, Daniela Sorge.

Daniela Sorge difende Soleil: “Facile fare terrorismo su una ragazza di 27 anni “

Tutta la situazione che sta accadendo dentro la Casa, e sta facendo piovere pesantissime critiche su questa edizione del reality, ha comportato numerose riflessioni sulla figura di Soleil, accusata di far parte di un teatrino ben orchestrato. A difenderla, però, da quello che potrebbe essere un vero e proprio approfittamento nei suoi riguardi, ci pensano la mamma Wendy Kay e la zia Daniela Sorge. La prima, in riferimento proprio a quanto accaduto sabato fra Delia e Soleil, ha attaccato Belli, utilizzando su Instagram l’hashtag #BastaBelli e condividendo un video della serata in questione. Meno blanda la zia dell’influecner, che su Twitter ha scritto: “Facile fare terrorismo su una ragazza di 27 anni braccata da due avvoltoi assetati, tra cui un uomo di 40 anni che si lega alle donne per affermare il suo piccolo ego! Sole non è impeccabile, ma non è di certo complice di un tale teatrino che fa gola allo show”.

Rispondendo poi a un commento in cui le si è fatto notare che il termine ‘terrorismo’ potesse essere troppo forte, la Sorge ha spiegato meglio la scelta della parola: “Fare pressione, imporsi con prepotenza, assillare, manipolare, ossessionare […] Il concetto di base non cambia“.

LaWebstar Copyright © 2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 36461 Editore e proprietario: Sima Editore s.r.l.s.