Connettiti con noi

GOSSIP

Perché Ivan Zazzaroni resta in piedi a Ballando con le Stelle? Il motivo

Il giornalista a Ballando con le Stelle resta sempre in piedi e molti telespettatori si sono chiesti come mai

Pubblicato

su

zazzaroni ballando

Ivan Zazzaroni sempre in piedi a Ballando con le Stelle: perché

Molti telespettatori di Ballando con le Stelle hanno notato che Ivan Zazzaroni resta sempre in piedi durante la messa in onda del programma. Ci si è chiesti dunque il perché di questa scelta del giornalista, che a quanto pare preferisce stare in piedi invece che seduto. Ci sarebbero due motivi principali a questo comportamento delle volte percepito ed etichettato anche come “strano”. A Ballando con le Stelle, dopo l’incidente avvenuto tra Selvaggia Lucarelli e Iva Zanicchi, si è creduto opportuno stare più attenti circa ciò che succede in studio.

Due ipotesi al comportamento di Zazzaroni: una è la scaramanzia

Ivan Zazzaroni, oltre a comparire in tv nel programma Ballando con le Stelle condotto da Milly Carlucci, è un giornalista. E soprattutto, direttore del Corriere dello Sport, insomma, seduto ci sta e pure tanto, visto il suo mestiere principale in redazione, come riporta Blog Tivvu. A questo punto, Zazzaroni potrebbe preferire lo stare in piedi proprio per questo motivo. La seconda ipotesi è quella della scaramanzia: il giornalista avrebbe notato che da quando non sta seduto, gli ascolti del programma volano.

Ballando con le Stelle: un infortunio dopo l’altro

Questa edizione di Ballando con le Stelle, dal punto di vista degli incidenti, sembra essere parecchio sfortunata. Il primo, quello di Luisella Costamagna, seguito poi dalle problematiche a livello familiare di Iva Zanicchi. Ed ancora, è stato il turno di Gabriel Garko. Per finire, sull’ultimo nome: la conduttrice radiofonica Ema Stokholma. Come farà questa sera la Carlucci a fronteggiare tutti questi imprevisti?

LaWebstar Copyright © 2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 36461 Editore e proprietario: Sima Editore s.r.l.s.